Facebook: censura i seni per contrastare Adidas?

Se vuoi avere visibilità su Facebook devi P A G A R E.

È una cosa successa ad un’amica, una collega: Facebook le ha bloccato l’account per via della presenza, nella sua gallery, di una foto del 2014 nella quale erano ritratti un sub e una sirena. Quest’ultima a seno nudo.

No, non è che Zucky sia diventato un puritano. E com’è che a distanza di 7 anni si sia ritenuto di rimuovere un’immagine simile non ha niente a che vedere con la policy del social network, ma con la più ovvia delle ragioni: la pubblicità. 

Infatti, in questi giorni, Adidas ha lanciato una campagna ECCEZIONALE per promuovere la sua nuova linea reggiseni sportivi. Lo ha fatto tramite Twitter con una foto che, invece di mostrare il prodotto (di cui non c’è traccia) ha messo in primo piano proprio delle mammelle femminili: tonde, a pera, svuotate, sode e toniche, larghe, strette e chi più ne ha più ne metta. In qualche ora, il tweet ha raggiunto una visibilità pazzesca tanto da diventare virale. 

Da par suo, Meta, che di certo non può digerire di essere vetrina gratuita per un marchio che ha un’idea geniale, ha quindi provveduto a monitorare e cancellare tutti i contenuti che rappresentano l’arma del delitto. 

Please follow and like us: